Archivio stampa

Amadeus (settembre 1997)

Dopo Le Quattro Stagioni e le Humane Passioni, con questi Concerti per le Solennità Giuliano Carmignola ed i Sonatori de la Gioiosa Marca propongono un' altra memorabile incisione vivaldiana. Sei concerti per violino, quattro dei quali scritti per particolari festività religiose: ai lavori "in due cori" per l' Assunzione di Maria Vergine, RV 581 ed RV 582, si aggiunge uno dei tre concerti per la festa di S. Lorenzo, RV 286, e quello per la S. Lingua di S. Antonio, Rv 212 suonato nel 1712 dallo stesso Vivaldi. Completano la registrazione Il Riposo, RV 271, per il Natale, ed il concerto detto "Grosso Mogul" RV 208, che pur non essendo apparentemente destinato ad alcuna funzionalità celebrativa, denota un' ampiezza di formato, un tono per così dire pubblico ed un tasso virtuosistico del tutto degni di degli altri concerti della raccolta.
Carmignola riafferma qui il un magistero nell' esecuzione di Vivaldi che oggi probabilmente non conosce eguali per virtuosismo, splendore di suono, ricchezza ed intelligenza di idee musicali. Ma Carmignola, insieme con gli eccellenti e vivaci Sonatori, va sempre ben oltre il puro virtuosismo per cogliere e lavorare con folgoranti intuizioni ogni aspetto dell' arte del Prete Rosso: l' estrema raffinatezza timbrica nel soffuso chiarore del Riposo, la lirica e affettuosa cantabilità pregnante in RV 286, la traslitterazione strumentale di modelli vocali nel visionario recitativo di RV 208. (Cesare Fertonani)